mercoledì, Ottobre 21, 2020

Dalla nascita ai nostri giorni …

“L’anno 1966, il giorno 19 del mese di dicembre in Roma, in via Baiamonti 25 alle ore 11…” così recita l’atto costitutivo firmato da un piccolo gruppo di Magistrati della Corte dei conti , che, “ riuniti in Comitato Fondatori” davano vita al Circolo Magistrati della Corte dei conti. Il Circolo si estende su 26.280 metri quadrati all’aperto e 2.051 metri quadrati al coperto sulla riva del Tevere, circondato dal verde e con vista dei famosi tramonti romani dietro la Collina Fleming! I primi anni della vita sociale furono difficili perché l’esiguo numero di soci non permetteva un rilevante sviluppo strutturale. Una costruzione in legno era il massimo“rifugio” per chi voleva ripararsi dal freddo aspettando l’amico o il proprio figlio che giocava a tennis….. ma i “vecchi soci” ancora ricordano con nostalgia le feste campestri a fine giugno, con l’immancabile vino e porchetta dei castelli romani, per il saluto prima delle vacanze estive che riuniva tutti in una grande famiglia. Con l’avvento di amici e di una mirata campagna di espansione, con nuove entrate economiche, nel corso degli anni, è stata costruita una grande piscina coperta, una luminosa e moderna palestra, campi da tennis e un campo da calcetto, uno spaziosissimo parcheggio, un nuovo bar-tavola calda ed un parco giochi per i bambini.

Nel 2012, lavori totali di ristrutturazione del primo piano della sede, hanno reso il Circolo moderno e funzionale.< La famiglia è cardine del nostro sodalizio. Chiunque diventi socio automaticamente inserisce il proprio nucleo familiare all’interno della nostra vita sociale; i figli di soci, al compimento del ventiseiesimo anno di età, se lo vogliono, ottengono gratuitamente lo status di soci effettivi; questo permette di avere un ricambio generazionale non indifferente. Anche il settore ricreativo-culturale costituisce una punta di diamante del nostro Sodalizio con l’annuale appuntamento del Cineforum, alla presenza di attori e registi, e con i numerosi eventi e manifestazioni fin qui tradottisi anche in mostre d’arte e pittura.

A tutti gli effetti, il Circolo può vantare di essere una Associazione Polisportiva con una spiccata vocazione ricreativa-culturale.