AstraZeneca vince il Memorial Celentani, in un giorno di grande festa

0
561

Gol, contrasti, ammonizioni e blasfemie. Non si fanno mancare nulla AstraZeneca e Sputnik nella finalissima del Memorial Nicola Celentani 2022. Alla fine la coppa va ai “neri” di AstraZeneca (per l’occasione vestiti di sgargianti fratini rosa) che battono gli avversari per 5-2, in una partita dalle mille emozioni e mai veramente chiusa fino ai minuti conclusivi.

Primo tempo

Come nelle migliori finali, i primi 25 minuti sono il regno dell’equilibrio. E del nervosismo. Volano i cartellini come le imprecazioni agli avversari, a sé stessi, al Divino. Sugli spalti se la ridono, apprezzano l’agonismo: l’arbitro (federale) un po’meno e il primo giallo arriva dopo neanche dieci minuti.
Nel quarto d’ora iniziale Sputnik si difende con ordine. I “russi” in blu riescono ad arginare il capocannoniere del torneo Guglielmo Bianchi, nemico pubblico numero uno. E dove non arriva la difesa, ci pensa un super portiere (Franco Iafrate) a tenere fermo lo 0-0.

Con il passare dei minuti AstraZeneca cresce in ritmo e intensità e agli sgoccioli della prima frazione di gioco arriva il gol del vantaggio su un tiro prima respinto dal numero 1 di Sputnik e poi ribattuto in rete.

Secondo tempo

La ripresa comincia sulla falsa riga dei primi 25 minuti. Ancora falli, ancora gialli, ancora applausi dalle tribune. L’equilibrio però è stato infranto e Sputnik non può permettersi di giocare col cronometro. I “russi” si aprono alla ricerca del pareggio e AstraZeneca rifila un uno-due letale: a stretto giro arrivano prima il 2-0, un rasoterra dalla distanza che inganna Iafrate, e poi il terzo gol che sembra portare il Memorial Celentani ai titoli di coda. Ma i ragazzi di Sputnik non sono arrivati in finale per caso. Invece del temuto crollo psicologico, mostrano una reazione d’orgoglio. Con una pregevole trama di passaggi arrivano in porta per il 3-1, ed è poi attraverso un’azione insistita, conclusa da un diagonale preciso e potente, che riducono al minimo le distanze: 3-2.

Mancherebbe un ultimo sforzo per pareggiarla e rimettere tutto in discussione, mancherebbe un centimetro. “Ma la vita è un gioco di centimetri, e così è il football” direbbe il coach Tony D’Amato (Al Pacino) di “Ogni Maledetta Domenica”, ed è proprio quel centimetro a marcare la differenza tra la vittoria e la sconfitta. Sputnik non ne ha più, e l’ultimo atto è tutto per le furie rosa che a 3 minuti dal fischio finale siglano prima il 4-2 della sicurezza e poi, ricordandosi che Bianchi non ha ancora segnato, il liberatorio 5-2, firmato dall’uomo simbolo della squadra. La gioia della rete si mischia con i festeggiamenti del triplice fischio. Il Memorial Celentani va ad AstraZeneca.

La premiazione

Invasione di campo, comincia la festa. Nel cerchio di centrocampo viene allestita una tavolata imbandita di trofei, e tutto il Circolo si stringe attorno a Fabio Celentani, one-man show della premiazione e organizzatore del torneo, al presidente del Circolo Stefano Castiglione e alla famiglia Celentani, Renata, Carlo, Sofia e Flaminia.
Non finiscono le fatiche per Gully Bianchi, capitano di AstraZeneca, a cui tocca alzare al cielo la Coppa del Memorial, il premio di capocannoniere, e a cui l’amico Ludovico Castiglione dedica pure una poesia.

Di seguito l’elenco completo di tutti i premiati

Miglior giocatore: Alessio Tropiano (Sputnik)
Miglior portiere: Franco Iafrate (Sputnik)
Miglior giovane: Ugo Barbato (AstraZeneca)
Miglior over: Marco Marcucci (Johnson)
Premio Fair Play: Federico Carnevali (Johnson)

Versi di coda

Il suo nome non compare tra i decorati, ma il titolo di poeta del Circolo è tutto suo: Ludovico Castiglione cala il sipario sul Memorial con una poesia da lui scritta e recitata da Sofia Celentani.
È passato un altro anno in ricordo di Nicola. Appuntamento al 2023, per una nuova grande festa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui